homepage> Metalli rari> Tungsteno o Wolframio>
Rame
Zinco
Nichel
Alluminio Primario
Alluminio Secondario
Piombo
Stagno
Ottone
Bronzo
Metalli rari
Leghe e lavorazioni speciali
Metalli in polvere
 
Rottami non ferrosi
Rottami ferrosi legati e alto legati (Ni, Mn, Mo)
 
Coils e nastri
Acciai speciali
Semilavorati in acciaio inox
 
Prodotti chimici
 
Brokeraggio alla borsa metalli di Londra LME
Trattazione dei metalli LME
Glossario termini borsa LME


Tungsteno o Wolframio

Numero atomico 74
Peso atomico 183,85
Temperatura di fusione °C 3410 +/-20
Temperatura di ebollizione °C 5660
Densità Gr/cm cubi 19,3 a 20 °C

Il Tungsteno o Wolframio è un metallo molto pesante, si presenta come polvere di colore grigio o come metallo bianco lucente. Ha il più alto punto di ebollizione e di fusione di tutti i metalli, basso coefficiente di dilatazione termica, elevata resistenza alla trazione ad alte temperature, elevata resistenza alla corrosione e agli attacchi chimici a temperatura ambiente e una conduttività molto elevata. Il Tungsteno viene estratto principalmente da wolframite (ferro e scheelite, (FeMn) WO 4) e scheelite (CaWO4). Le più grandi scorte di materie prime sono in Cina, altri depositi nei paesi della CSI, Austria, Australia, Corea, Bolivia, Malesia, ecc. Circa il 70% del metallo viene utilizzato come indurente (carburo di tungsteno), leghe di tungsteno e tungsteno puro, circa il 10-25% come legante in prodotti siderurgici ed il resto come prodotti chimici a base di tungsteno o altri prodotti chimici.

Il Nome deriva dallo svedese e significa pietra pesante, nome inizialmente attribuito al suo minerale la scheelite (dal chimico svedese Scheele). L’acido tungstico fu isolato già verso la metà del 1700, mentre nel 1781 Tobern Bergman sostenne che dall’acido sarebbe stato possibile ricavare il metallo senza tuttavia poterlo dimostrare. Negli stessi anni due chimici spagnoli, i fratelli d’Elhuyar, ricavarono lo stesso acido dalla wolframite. Il primo metallo ottenuto dalla riduzione dell’acido fu ricavato nel 1783 da una wolframite dello Zinnwald. Nel 1785 Rudolf Erich Raspe, fra l’altro autore de “Le avventure del Barone di Muenchhausen”, dimostrò che il metallo ottenuto dalla scheelite è identico a quello ottenuto dalla wolframite e che questo metallo aveva un potere indurente sull’acciaio.

GAMMA DI PRODOTTI

Semilavolati di Tungsteno (foto 01 02 03)
Anodi di Tungsteno (foto 01)
Anodi di Tungsteno a disegno ( foto 01 02 )
Tungsteno Carburo
Barrette Carburo W diam. 6x330 mm. rettificate h5 (foto 01 02 03 04 05)
Filo Tungsteno per lana di vetro (foto 01 02 03 04)

Tungsteno Metallo:
Filo di Tungsteno (foto filo su bobina) (fili spessi di Tungsteno foto 01 02 03 04 05)
Barre di Tungsteno (foto 01 02)
Barre tonde Tungsteno W99,95% diam. 16x200 mm (foto 01 02 03 04)
Barre tonde Tungsteno W99,95% diam. 16x35 mm. (foto 01 02 03 04 05)
Piatti di Tungsteno
Filo saldato di Tungsteno
Fogli di Tungsteno (foto 01 02)
Nastri di Tungsteno
Lamiere di Tungsteno
Tubi di Tungsteno
Filamenti di Tungsteno
Viti e dadi di Tungsteno
Componenti di Tungsteno a disegno (foto quadrato 01 02 03 04 05 disco 06 07)
Elettrodi di Tungsteno in fili e barre (foto 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11)
Elettrodini di Tungsteno W 99,95 (foto 01 02 03 04 05)
Dischetti di Tungsteno (foto 01 02 03 04)

Tungsteno Ossido Blu
Tungsteno Ossido Giallo
Tungsteno Polvere

Leghe di Tungsteno
Lega Argento Tungsteno
Lega Rame Tungsteno
Lega Renio Tungsteno

PROPRIETA' CHIMICHE DEL TUNGSTENO o WOLFRAMIO
Il tungsteno ha una notevole resistenza alla corrosione di molti acidi. È resistente all'acido fluoridrico e a quello cloridrico ed è solo leggermente intaccato dall'acido cloridrico caldo e dall'acido solforico. L'acido nitrico e l'acqua ragia intaccano solo lievemente il tungsteno, mentre soluzioni di acido fluoridrico e acido nitrico possono dissolvere rapidamente il materiale.

Il Tungsteno è stabile in soluzione alcalina, purché non contenga agenti ossidanti. La soda caustica liquefatta attacca fortemente il tungsteno in presenza di agenti ossidanti.

Il tungsteno è inoltre attaccato dal fluoro a temperatura ambiente, dal cloro ad una temperatura di 250 ° C (523K) e dal bromo e dallo iodio attorno ai 500 °C (773 K).

Il tungsteno ha una notevole resistenza alla corrosione a molti metalli fusi.

CARATTERISTICHE IMPORTANTI E APPLICAZIONI
- punto di fusione molto alto
- densità molto elevata e buona resistenza alla corrosione in molti acidi, alcali e metalli fusi
- da 500 ° C rapida ossidazione in aria e da 800 ° C e sublimazione di ossido di tungsteno
- sotto vuoto o gas inerte resistente a temperature eccezionalmente alte

Viene utilizzato in forma di tungsteno puro, leghe di tungsteno e leghe di materiali compositi di tungsteno per lampade ad incandescenza, filamenti, anodi per tubi raggi X, contatti di interruttori elettrici, conduttori di calore, schermature, elettrodi di erosione, elettrodi per saldatura, agitatori a frizione per strumenti di saldatura, termocoppie, portautensili.

LAVORAZIONE DEL TUNGSTENO o WOLFRAMIO

 

TIPI DI MATERIALI IMPORTANTI E LEGHE:
- W 99,95% (polvere)
- elettrodi di tungsteno, drogati: WT (TH02), WL (La2O3), WC (CeO 2), WZ (ZrO2), WY (Y2O3), WX (misti terre rare)
- WRe3, WRe5, WRe25, WRe26

LEGHE A BASE DI TUNGSTENO:
- tungsteno-rame WCu (tipicamente 10-50% Cu)
Anelli forati in Rame-Wolframio (foto 01 02 03 04)
- tungsteno-argento WAG (in genere 15-70% Ag)
- metalli pesanti di tungsteno WSM (WNiFe; WNiCu)

NORME DI RIFERIMENTO
ASTM B760 (piastre di tungsteno, fogli, lamiere)
ASTM F288 (filo di tungsteno per dispositivi elettronici e luci)
ASTM F73 (fili tungsteno-renio per dispositivi elettronici e luci)
ASTM E696 (fili tungsteno-renio per termocoppie)
ASTM F269 (determinazione della flessione del filo di tungsteno)
ASTM B702 (tungsteno-rame Materiali di contatto)
ASTM B631 (tungsteno-argento, o argento-tungsteno materiali di contatto elettrico)
ASTM B777 (metalli pesanti di tungsteno)

 
 
 
RAMISA s.a.s. - Via dei Colli Storici 151
25015 Desenzano del Garda (BS)

TEL +39 030 9109210 - FAX +39 030 9109111

e-mail: info@metalli-italia.com

informativa cookie e privacy